Ti trovi in: Home page Tesi di Laurea Parma: una porta urbana di accoglienza turistica

Parma: una porta urbana di accoglienza turistica

Università degli Studi di Parma
DICATeA - Laurea Magistrale in Architettura
A.A. 2013-2014

Luca Gregorini, Ronald Iemmi
Relatore: Prof. Arch. Carlo Quintelli

La tesi in questione nasce dall’esperienza di partecipazione al progetto Mastertown e al relativo workshop. In particolar modo, il nostro progetto concerne la riqualificazione e riprogettazione della pensilina di Viale Toschi della città di Parma e riguarda due dei tre ambiti di studio di Mastertown, ovvero il parco fluviale e il centro storico essendo esso situato tra la Pilotta e il fiume Parma.
Da una prima introduzione, si evince l’importanza urbana, storica, strategica di quest’area, che a nostro avviso rappresenta la location ideale per l’ideazione della porta urbana di accoglienza turistica. Oltre alle notevoli potenzialità dovute al contesto circostante, la struttura esistente gode già di una rilevante fruibilità data dal parcheggio sotterraneo dall’arrivo degli autobus sia turistici che di linea. Allo stato attuale la pensilina presenta però anche rilevanti criticità.
In primo luogo, l’edificio sul lato ovest genera un vero e proprio "retro” il quale è soggetto ad uno stato di forte degrado, infatti a causa della sua condizione di scarsa vivibilità non viene inglobato nella vita quotidiana della città. In secondo luogo, l’assenza di uno spazio d’accoglienza finalizzato al ricevimento di coloro che arrivano con mezzi di linea o autobus turistici, costringono le persone a sostare lungo Viale Toschi creando situazioni di disagio e pericolo.
Analizzate le potenzialità e le criticità dell’area e dell’edificio in questione, il progetto si è orientato verso la realizzazione di una struttura interamente dedicata all’accoglienza di mezzi di trasporto turistici, di linea e a fruitori del parcheggio sotterraneo. Tale area, aperta 24 ore su 24 con vigilanza notturno, fornirà servizi di accoglienza, informazione, bike sharing e ristoro.
In aggiunta, la presenza del parcheggio sotterraneo rappresenta un fattore rilevante nella riprogettazione dell’edificio, in quanto essa vincola la maglia strutturale a rimanere la medesima. Di conseguenza, il progetto si focalizzerà su una nuova distribuzione delle funzioni della pensilina in modo d’avere una pianta aperta centralmente. Questa redistribuzione darà luogo ad una "piazza” coperta connessa con l’esterno grazie a percorsi filtranti, pareti vetrate e il ridisegno del verde, il quale aprirà l’edificio sui quattro lati annullando definitivamente la presenza del retro.
In conclusione, grazie alla riprogettazione e riqualificazione della pensilina di Viale Toschi, la nuova porta urbana della città di Parma diventerà un luogo di riferimento che fornirà servizi di accoglienza sia per il turismo cittadino che per il possibile fruitore quotidiano.